Messa a fuoco iperfocale

Condividi:
Share

Eccoti il secondo articolo tradotto dal web. Io lo trovo molto utile per capire come funziona la distanza iperfocale che è un principio che si usa normalmente nella street photography e nel paesaggio.


Saper usare la messa a fuoco iperfocale non è così complesso come sembrerebbe dal nome, ma padroneggiare questa importante tecnica fotografia può fare la differenza nel tuo modo di fotografare. In questo articolo risponderò a tutte le domande più comuni che i fotografi hanno sull’iperfocale la messa a fuoco

Come mettere a fuoco con la distanza iperfocale

Iperfocale la messa a fuoco? Suona un po ‘new age’ …

In realtà è una tecnica “vecchia scuola” che aiuta a massimizzare la nitidezza in una foto.
Un obiettivo della fotocamera può mettere a fuoco solo ad una distanza alla volta, ma c’è una zona che si estende da quel punto, sia verso la fotocamera verso l’orizzonte, dove le cose sono ancora nitide.
Questa zona è conosciuta come Profondità di Campo.
La PdC non è una distanza fissa: diversi fattori la rendono più lunga o più corta, tra cui la lunghezza focale e l’apertura di diaframma.
La distanza a cui l’obiettivo mette a fuoco fa una grande differenza, che è la distanza dove la messa a fuoco iperfocale può aiutare.

Dove si trova la modalità di messa a fuoco iperfocale sulla mia macchina fotografica?

Non c’è da nessuna parte.
È possibile impostare la messa a fuoco manuale e poi impostare la distanza iperfocale.

Come funziona la distanza iperfocale

E la distanza iperfocale è …?

Il punto in cui tutti gli oggetti che sono dalla metà di questa distanza verso l’infinito rientrano nella profondità di campo, e appaiono accettabilmente nitidi.
Lunghezze focali più corte e piccole aperture di diaframma spostano la distanza iperfocale più vicino alla fotocamera, avendo come effetto l’aumento della PdC.
Lunghezze focali e aperture più grandi hanno l’effetto opposto, spingendo la distanza iperfocale lontano dalla fotocamera e diminuendo la profondità di campo.

Come posso sapere se il mio obiettivo è a fuoco a questa distanza?

Molte lenti hanno una finestra con la scala delle distanze integrata nel barilotto dell’obiettivo.
Questi non sono esaustive come nelle vecchie lenti manuali, che hanno marcature PdC più dettagliate ma consentono di posizionare la messa a fuoco approssimativamente nella zona giusta.

Nessuna delle miei lenti ha una scala …

Questo complica le cose ma non le fa diventare impossibili. È possibile misurare la distanza iperfocale utilizzando un metro a nastro.
Per una massima precisione è necessario misurare dal ‘piano focale’ (il sensore della fotocamera), invece che dalla parte anteriore della lente, ma la fotocamera dovrebbe avere un indicatore del piano focale vicino al mirino. Cerca un piccolo cerchio con una linea che lo attraversa.
Si potrebbe anche optare per uno strumento di misurazione laser o acquistare una lente di seconda mano con le marcature di distanza.
In alternativa, basta stimare la distanza!

Il mirino appare sfocato quando il mio obiettivo è a fuoco alla distanza iperfocale. Cosa sta succedendo?

L’immagine nel mirino è sempre visualizzata dall’obbiettivo con la massima apertura di diaframma. La lente attiva l’apertura di diaframma che hai impostato solo quando scatti una foto.
Tuttavia, la maggior parte delle reflex digitali hanno un pulsante per l’anteprima della PdC, di solito vicino alla montatura dell’obiettivo.
Questo imposta temporaneamente la lente col diaframma che hai settato consentendo di vedere cosa sarà nitido nell’immagine.
Il mirino diventa più scuro dato che l’apertura del diaframma diventa più piccola, quindi è meglio utilizzare la funzione Live View della fotocamera.
Live View rende veramente facile impostare la distanza iperfocale.
Mettere a fuoco la parte più lontana della scena che si desidera far diventare nitida prima di premere il pulsante di anteprima della PdC, quindi modificare manualmente la messa a fuoco portandola più vicino fino a quando la parte più vicina della scena che si desidera visualizzare nell’inquadratura diventa a fuoco.
Essere in grado di ingrandire l’immagine sullo schermo in modalità Live View vuol dire che è possibile mettere a fuoco con precisione sia lo sfondo che il primo piano.

Cosa faccio se né il piano né il fondo sembrano nitidi?

Impostare il diaframma più chiuso estende la profondità di campo, anche se è necessario cambiare la distanza iperfocale.
Evita di utilizzare il più piccolo diaframma disponibile: questo aumenta la diffrazione, dove in sostanza la luce viene piegata all’esterno dal bordo delle  lamelle del diaframma nella lente.
Otterrai immagini morbide nonostante l’aumento della profondità di campo.
Molti fotografi di paesaggio evitano di andare oltre a f/11, che dà una condizione ottimale tra la profondità di campo e nitidezza.
Ma mediante la distanza iperfocale ti sorprenderai nel vedere  quanto si può mettere a fuoco anche con ampie aperture.

Distanze iperfocali per le più comuni impostazioni della fotocamera

Tabella della distanza iperfocale APS-C

 

Tabella della distanza iperfocale Full Frame

Come settare la distanza iperfocale

Esposizione e messa a fuoco

Priorità di diaframma per iperfocale

Per un controllo totale sul diaframma, la cui scelta ha un impatto significativo sulla profondità di campo, scatta a priorità di diaframma (Av o A sul selettore di modalità della fotocamera) o manuale (M). Passa la lente in MF (messa a fuoco manuale) per impostare la distanza iperfocale.

Calcolo dell’iperfocale

Applicazione smartphone per iperfocale

Utilizzando un grafico o una applicazione smartphone, cerca la distanza iperfocale per la lunghezza focale e l’apertura che stai utilizzando.
Qui, l’applicazione Hyperfocal mostra che una distanza focale di 4.02ft darà una profondità di campo da 2ft all’infinito.

Impostazione della lente

Impostazione lente per iperfocale

Ruota la ghiera di messa a fuoco per posizionare il punto di messa a fuoco a 4.02ft usando come guida la finestra con la scala graduata delle distanze incorporato nella lente.
Non tutte le lenti sono uguali quando si tratta di utilizzare le marcature della distanza; potrebbe essere necessario un dispositivo di misurazione laser o un metro a nastro.

Come impostare la distanza iperfocale utilizzare Live View

Se il tuo obiettivo è sprovvista di marcature di distanza, ecco come impostare con buona approssimazione la distanza iperfocale utilizzando Live View

Mettere a fuoco lo sfondo

Iperfocale con live view 01

Passare alla messa a fuoco manuale e utilizza la priorità di diaframma o la modalità di esposizione manuale.
Inquadra l’elemento più lontano che vuoi avere nitido, tocca il pulsante contrassegnato da una lente di ingrandimento per ingrandire quella zona e concentrati su di esso.
È possibile utilizzare il mirino per questa tecnica, ma è più facile utilizzare il Live View.

Ingrandisci l’immagine Live View

Iperfocale con live view 02

Ingrandire l’immagine ti consente di assicurarti che i piccoli dettagli siano nitidi, ma non zoomare al massimo.
L’immagine che vedi al massimo ingrandimento viene spesso interpolata, il che significa che la fotocamera è essenzialmente visualizza un’immagine a bassa risoluzione.
Così appare morbida e rende nitidezza difficile da giudicare.

“Tira la messa a fuoco” verso il primo piano

Iperfocale con live view 03

Se la fotocamera dispone di un pulsante di Anteprima PdC (vedi sotto), premi e ruota la ghiera di messa a fuoco fino a quando il primo piano comincia ad essere nitido.
Utilizzando l’anteprima della PdC significa che vedrai l’immagine con l’apertura specifica che hai impostato sulla fotocamera, che consente di mettere a fuoco con precisione e sicurezza.

Pulsante della profondità di campo

 

Tradotto da: www.digitalcameraworld.com


Concludendo…

Questa tecnica di messa a fuoco è utilissima sia per la street photography che per foto di paesaggio, velocizza la fase di scatto assicurando la nitidezza del soggetto anche se non si inquadra tramite il mirino.
Studiala e falla tua in modo tale da poterla padroneggiare ad occhi chiusi e stai sicuro che quando riguarderai le foto scattate rimarrai soddisfatto per l’eccezionale nitidezza ottenuta senza impazzire con i punti di messa a fuoco.

 

Condividi:
Share

2 Replies to “Messa a fuoco iperfocale”

  1. nicola

    Ciao l’articolo mi ha soddisfatto visto che da qualche giorno sto studiando questa tecnica. Volevo chiederti una cosa però. Se il valore iperfocale calcolato supera quelli presenti sulla ghiera delle distanze dell’obiettivo devo posizionarlo sul simbolo ?

    Reply
    • Walter Topino

      Ciao Nicola,
      la tua domanda non mi è molto chiara ma cercherò di darti una risposta il più esauriente possibile.

      Il tuo obbiettivo (qualunque esso sia) ha una scala di messa a fuoco che va da un minimo – caratteristica propria dell’obbiettivo – ad infinito.
      Naturalmente come altri dati per applicare la giusta distanza iperfocale sono il tipo di sensore, il diaframma e la lunghezza focale che utilizzi.
      Quando hai ben chiaro dei valori che vuoi usare devi solo settare la ghiera al valore indicato nella tabella appropriata che ho pubblicato nel mio articolo.

      Faccio un esempio: hai la fotocamera col sensore APS-C, usi un obbiettivo zoom 24-70mm regolato a 35mm, decidi anche di usare un diaframma f8. La tua distanza di messa a fuoco iperfocale è di 9,6m.

      COSA VUOL DIRE QUESTO?

      Vuol dire semplicemente che con le impostazioni elencate sopra puoi mettere il tuo soggetto ad una distanza di circa 9,6m ed otterrai che

      • tutti gli elementi dietro il soggetto principale saranno a fuoco fino all’infinito
      • gli elementi di fronte al soggetto che si troveranno a circa la metà di 9,6m (quindi a 4,8m) risulteranno ancora a fuoco.

      Questa condizione ti permette di disinserire la messa a fuoco automatica sapendo con certezza cosa sarà a fuoco nella tua inquadratura e cosa no.

      Nel tuo specifico caso, se sulla scala del tuo obbiettivo arriva solo fino ad 8m, quindi il valore di 9,6m è oltre la distanza massima impostabile, vuol dire che dovrai impostare la messa a fuoco su infinito.

      Sperando di esserti stato di aiuto ti auguro un FELICE NATALE. 😉

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.